Resta in contatto

News

Ternana, Tozzo e Proietti: “Serve un gruppo solido, solo così si può vincere”

Portiere e centrocampista si presentano per la prima volta ai cronisti: “Piazza straordinaria, ora sta a noi dare il massimo”

Secondo giro di presentazioni con i nuovi rossoverdi. Tocca al portiere Andrea Tozzo e al centrocampista Mattia Proietti

Si parte subito con la domanda a Tozzo, cercato con insistenza dalla Reggina di Toscano che lo ha avuto a Novara: “La trattativa era già iniziata durante lo scorso campionato, la scelta è stata facile perchè la Ternana è stata molto disponibile nei miei confronti. Vengo da una anno sfortunato, con un infortunio e ho voglia di rimettermi in gioco. La concorrenza di Iannarilli? Fa bene, sarà sana. Iannarilli è un ottimo portiere, io sono pronto a dare il 110% ogni volta che il mister mi chiamerà a giocare”.

Il portiere spiega: “L’infortunio alla spalla è  guarito, c’è voluto più tempo del previsto perchè è una articolazione delicata, ma ora sono a posto”

Proietti dice: “Dopo i sei anni a Bassano, sono andato a Pescara, ma è stata una annata storta per via di problemi fisici, l’anno scorso ho sempre giocato, Terni è una piazza straordinaria, non potevo dire di no. Sia il ds Leone che mi ha portato a Pescara, sia il mister mi hanno fatto capire quanto mi volevano ed eccomi qua”.

STIMOLO. Sul tema abbonati, parlano quasi in simbiosi: “I 12000 abbonati per noi devono essere uno stimolo, questo dipende molto da noi ovviamente, sono numeri importanti. Dobbiamo farci caricare da questa situazione, non esserne condizionati”.

CAMPIONATO E RUOLI Proietti spiega l’essenza del campionato: “Serve l’elmetto da guerra, perchè ci sono squadre che giocano meno al calcio e puntano sull’aspetto agonistico. A questo noi dobbiamo aggiungere le nostre qualità tecniche”. Del suo ruolo spiega: “A Bassano ho sempre giocato nel centrocampo a quattro, negli ultimi due anni ho giocato davanti alla difesa e personalmente lo preferisco, perchè si toccano più palloni. Ma non ci sono problemi per me”. Tozzo dice invece di sè stesso: “Saper giocare con i piedi oggi è fondamentale, ma bisogna essere bravi a fare tutto, ma c’è sempre da migliorarci”

OBIETTIVI. Tozzo parla degli obiettivi: “Il primo è quello di formare un gruppo solido, con determinate caratteristiche, poi facciamo uno step alla volta“. Proietti gli fa eco: “Ognuno vuole vincere, ma bisogna vedere cosa si fa per arrivarci”.

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News