Resta in contatto

Approfondimenti

Gallo e la sua esperienza a Terni da calciatore: “Andai via prima, non meritavo lo stipendio”

L’allenatore rossoverde racconta a TeleTerni i suoi mesi da giocatore rossoverde: “Ho imparato la lezione: devi sempre far capire di valere qualcosa”

Nel corso della trasmissione ‘Calcio ma non solo’ di TeleTerni, il tecnico della Ternana Fabio Gallo ha raccontato una serie di aneddoti, fra i quali quelli relativi al suo breve passaggio in rossoverde da giocatore nella stagione 2001-02, dopo l’esperienza all’Atalanta

Venivo dalla serie A e mi sono trovato in una squadra fatta di giocatori forti, ma con poca logica.  Giocare a Terni era bello, perchè lo facevi sempre davanti a tanta gente, ma è chiaro che le aspettative erano alte. Nel momntno in cui le cose non andavano come dovevano andare le responsabilità fuoono date ai nuovi. Noi eravamo nuovi sempre, siamo stati chiamati così per molto tempo e questo secondo me è stato uno dei primi errori di quella squadra, non c’è mai stata una coesione, forse anche perchè guadagnavamo di più”, spiega, lasciando intendere che ci fosse più di qualche problema in quello spogliatoio, del quale faceva parte anche Fabrizio Fabris.

PARTENZA E RINUNCIA L’avventura di Gallo finisce dopo 9 partite, in gran parte sotto la guida di Andrea Agostinelli. Dopo l’esonero del tecnico romano e l’arrivo di Tobia, Gallo chiede ed ottiene di andare via in anticipo, il 10 dicembre: “Capii presto che non c’era spazio per me, dai suoi atteggiamenti, anche perchè ero nel mirino della tifoseria. Accettai la richiesta del Como e dissi ad Agarini che l’ultimo mese di stipendio non mi interessava, perchè non me lo meritavo”.

NO ALLA RICHIESTA. Sempre nel corso della chiacchierata, Gallo racconta un altro aneddoto di quell’anno:  “Dopo una settimana Agarini mi richiamò dicendo che avevano cambiato l’allenatore  chiamando Bolchi, che aveva espresso il desiderio di riavermi. Mi disse se lei vuole,  può tornare, se è un problema economico, possiamo ritoccare il contratto. Risposi grazie, ma le ho preso già abbastanza soldi. Ho preso la mia decisione. Mi pareva giusto fare così, moralmente mi sembrava scorretto”.

INSEGNAMENTO. Di quell’esperienza Gallo ha fatto tesoro: “Mi ha fatto capire che ogni volta devi far capire di valere qualcosa, non conta il passato. Da giocatore non mi sono calato nella realtà di Terni. Sono stato benissimo fuori dal campo, ma dentro no. E poi l’ho pagata quando sono tornato con altre maglie, c’è sempre stato astio verso di me, compreso il famoso gesto nella gara col Treviso”.

4 Commenti

4
Lascia un commento

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Commento da Facebook Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook

Forza Mister

Commento da Facebook

per me é un grande…

Commento da Facebook

Daje fabie facce sta grazia💚❤💚❤💚❤

Commento da Facebook

Riportaci in B da allenatore e sono sicuro, che sei un vincente!

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

    Vedi tutte le offerte a TERNI su Sì!Happy

    Altro da Approfondimenti