Resta in contatto

Rubriche

Ternana, la stagione ai raggi X: Russo, il muro rossoverde

Prosegue l’approfondimento quotidiano sul rendimento dettagliato dei calciatori delle Fere in questa annata. Il difensore ex Siena è un punto fermo di Gallo

Nella pessima stagione della Ternana, c’è anche qualcosa da salvare. Tra i molti arrivi nel mercato di gennaio che, a conti fatti, non si sono dimostrati all’altezza, o comunque non in buona condizione fisica, Michele Russo fa eccezione. Il difensore centrale, preso nell’ultimo giorno di trattative dal Siena, ha contribuito in maniera determinante, se non proprio alla rinascita, almeno a salvare un campionato che si era messo davvero male per i rossoverdi.

SUBITO INTEGRATO. Arrivato in Via della Bardesca il 31 gennaio, sullo scoccare del “gong” della fine del calciomercato, il 32enne di Genova già dopo appena 2 giorni era schierato titolare da Calori nella trasferta di Meda contro il Renate. Arriva nel momento peggiore che sta attraversando la Ternana e dopo nemmeno due settimane dal suo approdo al Liberati cambia per la seconda volta la guida tecnica della squadra.

IL MURO RITROVATO. Nonostante ciò, Russo gioca sempre tutti i 90 minuti, con l’unica eccezione della gara di recupero di Rimini, in cui per regolamento non possono giocare i calciatori non ancora tesserati all’epoca della sospensione del match. Con Gallo in panchina le Fere ritrovano solidità difensiva e anche il rendimento dell’ex Siena cresce, fino a farlo diventare uno dei leader dello spogliatoio in pochissimo tempo. In una occasione, addirittura, gli viene consegnata la fascia di capitano in assenza di Defendi. Complice anche la brutta stagione di Diakitè. nell’ultima parte di campionato fa coppia fissa con Bergamelli al centro della difesa e la Ternana smette di subìre gol (solo 3 nelle 7 gare finali). E’ sicuramente uno degli uomini su cui fondare la ricostruzione.

RENDIMENTO. Un rendimento da stakanovista per Michele Russo, protagonista di 16 presenze con la maglia rossoverde, tutte disputate per gli interi 90 minuti. Nessun gol per lui, ma molti salvati ed evitati. Ad evidenziare la classe ed il comportamento del numero 20 c’è il dato delle ammonizioni: un solo cartellino giallo rimediato in 1.440 minuti giocati a Terni.

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a TERNI su Sì!Happy

Altro da Rubriche