Resta in contatto

Approfondimenti

Ternana e Sudtirol, botta e risposta coi veleni

Ennesimo pareggio per i rossoverdi, 1-1 con entrambi i gol contestatissimi. E stavolta il rigore lo para Iannarilli

Due gol nel secondo tempo, uno per parte. Proteste rossoverdi sul gol del Sudtirol, proteste sudtirolesi sul gol della Ternana. Sono le due reti che hanno fatto maturare al Liberati l’1-1 tra le due squadre. Un 1-1 con il quale la Ternana deve ancora una volta rimandare l’appuntamento con una vittoria che manca da sempre più tempo. Ora, siamo arrivati a tre mesi e mezzo a bocca asciutta. Troppo. Stavolta, però, sui rigori recriminano gli altri, visto che Iannarilli ha neutralizzato un tiro dagli undici metri a Fink a un quarto d’ora dalla fine. La lotta per la salvezza è ancora lunga e dura. E il pessimo arbitraggio del signor Miele di Nola produce tre cartellini pesanti ai danni della Ternana, con Bergamelli e Giraudo in diffida e ammoniti e con Palumbo espulso.

POCHI SUSSULTI. Le due squadre sono partite entrambe in maniera briosa. Dopo nemmeno un minuto, prima occasione  per Boateng, liberato al tiro da Bifulco, con il portiere Nardi a parare. Pochi minuti dopo, la risposta del Sudtirol si è materializzata con una conclusione da fuori area di Lunetta con parata in volo di Iannarilli. La partita, però, a dispetto dei primi minuti, si è poi fatta chiusa. Entrambe le squadre non hanno concesso spazi all’avversario. Ternana più pericolosa ogni volta che Bifulco ha cercato gli uno contro uno sulla fascia destra ai danni dei difensori ospiti. Dai suoi cross sono arrivati una conclusione repentina sul fondo di Boateng e anche l’azione che ha portato Marilungo a trovarsi un buon pallone sulla testa, con conclusione finita però alta. Per il Sudtirol, registriamo due interventi prodigiosi del portiere rossoverde Iannarilli, prima con una conclusione ravvicinata di Morosini e poi in tuffo su De Cenco dopo un contropiede.

POLEMICHE E COLPI DI SCENA. Nella ripresa, dopo soli 7 minuti è arrivato il primo episodio contestato, quello del vantaggio del Sudtirol. Il gol di Lunetta è apparso viziato prima da un fallo dello stesso giocatore su Giraudo e poi da una posizione di fuori gioco. La terna arbitrale, però, ha covalidato. Proteste veementi dei rossoverdi anche pochi minuti dopo, per un tocco di mano sospetto di un difensore biancorosso in area di rigore sul quale il direttore di gara ha sorvolato. Gallo ha inserito in campo Furlan e Nicastro. Il primo ha cambiato la fisionomia della partita con giocate tra le linee e con aluni cross ben mesi in area avversaria. Al 20′, il secondo gol e la seconda recriminazione della partita. Su cross di Furlan, il portiere sudtirolese è uscito a schiaffeggiare la sfera, tiro di Bifulco e deviazione vincente sotto porta di Nicastro, con gli ospiti a protestare per una posizione di fuori gioco dell’attaccante rossoverde che, immagini alla mano, non c’è. Poi, la grande paura per le Fere alla mezz’ora, quando per un intervento in area di Palumbo giudicato falloso dall’arbitro e che è costato l’espulsione al mediano, è arrivato il rigore al Sudtirol. Dal dischetto il tiro di Fink e la parata di Iannarilli ad evitare il nuvo vantaggio degli ospiti. L’1-1 è rimasto tale fino alla fine. Tutto rimandato a sabato prossimo, con uno scontro diretto delicato in ottica salvezza, in casa della Giana Erminio.

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a TERNI su Sì!Happy

Altro da Approfondimenti