Resta in contatto

Approfondimenti

Ternana: è allarme terreno, al Liberati

Un campo malmesso, sul quale giocare è sempre più difficile: De Canio: “Oggi è il più brutto d’Italia. Persino stare in piedi, è un’impresa”.

Dicono tutti che la Ternana è una squara tecnica, capae di esaltare le sue caratteristiche giocando palla a terra. Se così davvero è, allora ha un campo che proprio non la aiuta. Al netto di terreni piuttosto malmessi che si incontano un po’ in tutto il girone, il manto erboso del Liberati è anche esso un problema. La cosa, stride con la fama portata per tanti anni dal campo ternano, considerato sempre uno dei migliori d’Italia. Adesso, invece, i poblemi non mancano.

DE CANIO: “OGGI E’ IL TERRENO PIU’ BRUTTO”. Lo stesso allenatore della Ternana Luigi De Canio, nelle interviste del dopopartita, ha sottolienato proprio l’aspetto dei problemi dell‘erba del Liberati. Ha parlato della vittoria sul Teramo come di un risultato colto “su un campo infame” e sul “terreno più brutto d’Italia, dopo che è stato per tantissimi anni quello più bello“. Un campo sul quale, secondo il tecnico rossoverde, “giocare è difficile. Anzi, proprio tenersi in piedi, è un’impresa. Pensate anche ai gol che abbiamo sbagliato“.

EPPURE, UN INTERVENTO C’E’ STATO. Il terreno del Liberati, già finito sotto osservazione in estate perché ridotto non benissimo, era stato interessato proprio in quel periodo da un intervento di recupero e risistemazione del manto naturale. Evidentemente, la cosa non ha giovato. Cosa c’è, ancora, da fare, per rivedere a Terni il terreno più bello d’Italia?”

12 Commenti

12
Lascia un commento

avatar
12 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
trackback

[…] partita interna giocata dall Ternana nel suo stadio contro il Teramo, l’erba è apparsa in condizioni critiche. Così’ come più di una volta, nel corso della stagione, soprattutto dopo abbondanti piogge, […]

Commento da Facebook

Quanto me rote sta cosa!

Commento da Facebook

la colpa è stata esclusivamente della passata gestione; entrare allo stadio e vedere le buche al posto di un manto che sembrava un biliardo, fa stare male

Commento da Facebook

La colpa è de lu biondo…..

Commento da Facebook

Una volta è la sfortuna. …
Una volta l’arbitro. ….
Poi la colpa è di Diakite. ….
Ora il campo indecente……
Ma si assumerà una volta le sue responsabilità. ……

Commento da Facebook

Però una domanda bisogna porsela, ma possibile che è tanto difficile farlo come una volta?

Commento da Facebook

Grazie Zadotti.. ???

Commento da Facebook

Chiamarlo terreno è più appropriato che chiamarlo campo di calcio,

Commento da Facebook

grande?????Zadotti??????

Commento da Facebook

Che finaccia

Commento da Facebook

Veramente non si può guardà

Commento da Facebook

Se pensiamo a che manto meraviglioso avevamo gli anni scorsi…
Come dargli torto?
Per quel campo di patate bisogna ringraziare il grandissimo
Zadotti nell’estate del 2011

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a TERNI su Sì!Happy

Altro da Approfondimenti