Resta in contatto

Approfondimenti

La Ternana e quelle ‘primizie’ dal sapore più agro che dolce

Bilancio delle cinque sfide contro le formazioni affrontate per la prima volta nella storia dalle Fere. E domenica arriva la sesta e ultima

Continuano a restare indigeste le formazioni che affrontate per la prima volta nella storia dalla Ternana. Contro le ‘primizie’ la formazione di Luigi De Canio ha sin qui ottenuto appena 5 punti sui 15 in palio: un bottino decisamente magro.

L’unica vittoria è arrivata infatti a Verona, sul campo della Virtus Vecomp, matricola di bassa classifica, contro la quale peraltro i rossoverdi hanno faticato parecchio prima di poter mettere il turbo dopo dopo la prima rete: alla fine è stato un 2-0 per i rossoverdi con reti di Defendi e Nicastro.

SEGNO X Per due volte è uscito il segno ‘X’ ma in entrambi i casi si è trattato di un pareggio difficile: 1-1 in casa con il Renate in quella che è stata – complici i vari rinvii per la vicenda ripescaggi – la prima partita casalinga della formazione rossoverde: i nerazzurri allora guidati da Oscar Brevi, fratello del vice allenatore rossoverde Ezio, andarono in vantaggio con Simonetti per poi venire raggiunti poco dopo da Guido Marilungo.

Pareggio 1-1 anche nel recupero della terza giornata di campionato, contro il Feralpisalò di Mimmo Toscano: in questo caso è Modibo Diakitè a rimediare al vantaggio dell’Airone Caracciolo.

BRUTTI KO. La sconfitta di ieri del Druso di Bolzano fa seguito a quella del Bottecchia di Pordenone contro i ramarri dell’ex Tesser che hanno sfruttato la rete di Bombagi per prendersi i tre punti e vincere il big match. Domenica davvero è necessaria una inversione di tendenza contro un’altra ‘primizia’, la Giana Erminio.

 

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti