Resta in contatto

Approfondimenti

La Ternana torna a vincere e accende i suoi giovani

Rimini battuto nel recupero della prima giornata, davanti al patron Bandecchi. Funziona il turnover di De Canio.

Il pubblico voleva un segnale. Il patron Stefano Bandecchi, in panchina a seguire la partita, voleva un segnale. Il segnale, è arrivato. La Ternana dà un calcio ai fantasmi del Pordenone e del Vicenza e vince. 3-0 al Rimini. Lo steso risultato della partita contro il Gubbio. Che poi era l’ultima partita nella quale si era vinto, prima dei pareggi con Imolese e Feralpisalò e le due sconfitte. E sono pure tornati a segnare gli attaccanti, stavolta Frediani e Nicastro, dopo che ad aprire le marcature era stato ancora un difensore, Hristov. Ha funzionato il turnover di Luigi De Canio, con parecchi giocatori tra i meno utilizzatil dunque più freschi e anche pià motivati, che alla fine hanno fatto la differenza.

SUBITO SBLOCCATA. Primo tempo sbloccato quasi subito dalla Ternana. Sugli svilupi di una punizione, Petko Hristov arrivava di testa, anticipando il portiere Scotti e insaccando a pochi passi dalla porta. Una rete giunta dopo più di cinque minuti di gioco e che ha dato fiducia alla squadra di Luigi De Canio. Per tutta la prima frazione di gioco, i rossoverdi hanno tenuto il campo meglio del Rimini, facendo anche vedere delle giocate pregevoli. Rimini in sofferenza e Ternana superiore in tutti i reparti. La sqadra di casa ha avuto parecchie altre occasioni per accrescere ancora di più il proprio vantaggio, ma è mancata per lo piu la precisione negli ultimi metri di campo. Rimini frastornato e sofferente maggiormente a cetrocampo. Quando si sbilanciava, la squadra di Leonardo Acori, si scopriva spesso e si esponeva alle ripartenze micidiali della Ternana. Tanto che l’1-0, a fine frazione, è stato anche troppo poco.

IL DECOLLO. Secondo tempo servito alla Ternana per dilagare e per aumentare il suo vantaggio. All’inizio, aveva fatto un po’ tremare l’errore dal dischetto di Furlan, il cui rigore concesso per fallo ai danni di Bifulco in area è stato un tiro telefonato per il portiere Scotti. Sono episodi, questi, che rischiano di pesare sul piano psicologico. Anche perché, subito dopo, il Rimini ha avuto una golosissima occasione per pareggiare, con una conclusione ravvicinata di Cicarevic ribattuta da Fazio quasi sulla linea di porta. Un fase nella quale il Rimini sembrava riprendere fiducia. Tanto che Acori ha cominciato a far girare le punte con i primi cambi. Ma ha finito per sbilanciare i suoi, l’ex tecnico rossoverde. E la Ternana, a quel punto, è riuscita a trovare lo spazietto per prendere il volo. In gol per la sceonda volta su una verticalizzazione con Frediani, prima della terza segnatura trovata da Nicastro, da pcoo entrato in campo dalla panchina, approfittando di un errore del portiere ospite. Una rete dopo la quale l’attaccante non ha esultato, in quanto ex. E patron Bandecchi, è uscito dal campo contento.

 

 

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a TERNI su Sì!Happy
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti