Resta in contatto

News

Decreto del Governo da oggi in vigore, ora la Ternana incrocia le dita

Competenza esclusiva al Tar del Lazio. Da ora, ma entro trenta giorni, si possono annullare tutte le controversie ad oggi pendenti e presentare il nuovo ricorso.

Competenza delle controversie su iscrizioni o esclusioni dai campionati professionistici demandata esclusivamente al Tar del Lazio. Ma soprattutto, applicabilità delle nuove disposizioni anche alle controversie già in atto. Entra in vigore oggi, dopo la publicazione di ieri in Gazzetta Ufficiale, il Decreto adottato giovedì sera dal Governo, che di fatto interviene a dare una svolta anche alla lunga controversia sui ripescaggi che sta tenendo da tre mesi due campionati (la serie B e la serie C) nell’incertezza. Una novità che torna a far sperare la Ternana, in attesa di una risposta che non arriva sull’istanza di ripescaggio presentata già agli organi di giustizia sportiva e anche amministrativa, insieme a Pro Vercelli, Siena, Novara e Catania. Una svolta che il patron rossoverde Stefano Bandecchi ha considerato come storica, andando a definirla “lodo Ternana” proprio perché conseguenza anche della battaglia portata avanti in primis dalla società di via della Bardesca. Adesso, probabilmente già domani, sarà inoltrato il nuovo ricorso al Tar del Lazio, che potrà una volta per tutte entrare nel merito della questione.

IL TAR DECIDERA’. NIENTE PIU’ ORGANI SPORTIVI. Sintetizziamo i punti salienti, del decreto in questione. Un decreto formato da due articoli che pongono regole e modalità per procedere. A partire proprio dall’affidamento alla “giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo ed alla competenza funzionale inderogabile del Tribunale amministrativo regionale del Lazio, sede di Roma, le controversie aventi ad oggetto i provvedimenti di ammissione ed esclusione dalle competizioni professionistiche delle societa’ o associazioni sportive professionistiche, o comunque incidenti sulla partecipazione a competizioni professionistiche“. Controversie per le quali è da adesso esclusa la competenza degli organi di giustizia sportiva, fatta salva, come specifica il decreto,  la possibilità che lo statuto e i regolamenti del Coni e delle federazioni sportive prevedano organi di giustizia dell’ordinamento sportivo che “decidono tali questioni anche nel merito ed in unico grado e le cui statuizioni, impugnabili ai sensi del precedente periodo, siano rese in via definitiva entro il termine perentorio di 30 giorni dalla pubblicazione dell’atto impugnato. Con lo spirare di tale termine il ricorso all’organo di giustizia sportiva si ha per respinto, l’eventuale decisione sopravvenuta di detto organo e’ priva di effetto e i soggetti interessati possono proporre, nei successivi 30 giorni, ricorso dinanzi al Tribunale amministrativo regionale del Lazio“.

ENTRO UN MESE, NUOVI RICORSI E AZZERAMENTO DEGLI ALTRI. Applicando le disposizioni anche alle controversie in corso (e, dunque, anche ai ricorsi pendenti della Ternana sia al Consiglio di Stato che alla Corte d’appello federale), il Decreto del Governo dispone pure che quelle ad oggi pendenti “possono essere riproposte dinanzi al Tribunale amministrativo regionale nel termine di trenta giorni decorrente dalla data di entrata in vigore del presente decreto“. Pena, l’improponibilità del ricorso stesso.  E sempre entro 30 giorni, “possono essere impugnate in sede giurisdizionale le decisioni degli organi di giustizia sportiva pubblicate anteriormente all’entrata in vigore del presente decreto per le quali siano pendenti i termini di impugnazione“.

L’URGENZA DI STRINGERE I TEMPI. Il provvedimento, che dà anche la possibilità al Comitato olimpico nazionale italiano di avvalersi del patrocinio dell’Avvocatura dello Stato, specifica in maniera esplicita la condizione di “straordinaria necessita’ e urgenza” che ha portato alla sua adozione. Si specifica la scelta di aver agito soprattutto per “assicurare un veloce e agevole raccordo con l’impugnazione in sede giurisdizionale delle decisioni sportive concernenti l’ammissione od esclusione dalle competizioni o dai campionati delle societa’ o associazioni sportive professionistiche, con immediato effetto per il regolare svolgimento dei campionati in corso“.

 

1 Commento

1
Lascia un commento

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
trackback

[…] che il Decreto emanato dal sottosegretario con delega allo sport, Giancarlo Giorgetti che in estate aveva sbloccato la vicenda delle controversie su iscrizioni o esclusioni dai campionati professionis… indicando il Tar del Lazio come unico competente a decidere, è ufficialmente decaduto il 31 […]

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a TERNI su Sì!Happy

Altro da News